lunedì 4 aprile 2016

Irving, Il mondo secondo Garp


   Vi consiglio un libro che mi è stato consigliato. Strano, mi sono detta all'inizio. Lo lascio, prima della metà. Intrigante, nel mezzo. Fantastico, oltre. Ora vi dico: ne vale assolutamente la pena. Solo ora posso dire che tutte le sensazioni che ho provato nel corso della lettura sembrano rispecchiare la crescita del protagonista, uno scrittore, figlio di una scrittrice, che evolve dalla fantasia bizzarra del primo racconto, alle parole ricercate e poi sofferte dei romanzi a seguire, fino al ritorno all'immaginazione dei primi passi. L'evoluzione della sua scrittura è influenzata dai fatti che accadono a lui e intorno a lui, ma è percepibile anche dallo stile del narratore, che trasmette tali cambiamenti attraverso la sua stessa scrittura. Per questo, il libro mi è sembrato dapprima bizzarro, poi noioso, accattivante e infine fantastico. Gli stessi aggettivi possono essere utilizzati per descrivere il mondo di T.S. Garp, un mondo ricco di energia.